Comunità e territorio

Gulliver
Premiazione concorso creativo interno "I Viaggi di Gulliver"
Giovedì 3 Marzo 2016
Giovedì 3 Marzo alle ore 10,30, presso la sede di Gulliver, si sono tenute le premiazioni del concorso interno creativo "I Viaggi di Gulliver".
Sono stati invitati tutti i servizi che hanno partecipato.
 
Le opere presentate sono state inserite nel Calendario Gulliver 2016, realizzato in collaborazione con il Premio Ronzinante dell’Associazione CREA.
 
Il Calendario Gulliver 2016 raccoglie opere ispirate al romanzo “I Viaggi di Gulliver” di J. Swift.
È un mixaggio di rappresentazioni realizzate da servizi gesti ti da Gulliver, che hanno aderito al Concorso Creativo interno, e da giovani illustratori under 35 che hanno partecipato alla seconda edizione del Premio Ronzinante dell’Associazione C.R.E.A. (Creiamo Relazioni e Autonomie).
Il Concorso Creativo Gulliver, quest’anno alla sua quarta edizione, rientra tra le iniziative del Progetto Abilità Artigiana che ha l’obiettivo di valorizzare abilità, competenze e creatività di ospiti ed operatori dei nostri servizi. Il tema di quest’anno è stato volutamente il medesimo del Premio Ronzinante di C.R.E.A., associazione locale con la quale collaboriamo da diversi anni.
Il Premio Ronzinante fa incontrare i bambini con la disabilità, attraverso l’illustrazione per l’infanzia. Si pone l’obiettivo di promuovere e accompagnare i bambini a ragionare sul loro essere nel mondo, sulla loro percezione della diversità e su come loro possano attivarsi per vivere meglio il rapporto con chi è in difficoltà. Vuole rafforzare, attraverso un intervento socio-educativo, la partecipazione dei giovani alle politiche di educazione alla cittadinanza, attraverso la formula giovani per i giovani. Il progetto, pertanto, ha una duplicità di destinatari: i bambini e i preadolescenti che frequentano le scuole primarie e i giovani illustratori che saranno chiamati a dare il loro contributo nelle scuole della Provincia di Modena. Il Gulliver del Premio Ronzinante 2015 è un giovane adulto affetto dalla Sindrome di Sotos.
La tematica che hanno dovuto seguire i partecipanti al concorso è riassumibile nella frase: “grande o piccolo è solo questione di paragoni”.